30. ago, 2015

Un titolo fuorviante

MI ha fatto incontrare questo libro la serendipity della libreria. Se non fossi convinto della necessità della convivenza tra nuove e antiche pratiche non andrei periodicamente in libreria, comprerei solo ciò che mi serve su Amazon. Andare in libreria, invece, serve per farti incontrare quello che non stai cercando, come il felice inciampo in questo libro - che il titolo un po' motifica - ma che apre davvero la mente sul futuro (che per i due manager di Google è luminoso e felice). Beati loro. Ma leggerlo aiuta a capire e ci conduce verso l'antica saggezza gramsciana dell'ottimismo della volontà.