4. set, 2015

Nell'inconscio, la questione meridionale

Luigi Rubinelli è un intellettuale di altissimo livello, una personalità autorevole non solo per il mondo del Retail, ma per la cultura d’impresa - che nel nostro paese è mediamente modesta - ma nelle sue parole, purtroppo persiste quel pregiudizio per il Mezzogiorno d’Italia che penalizza molte iniziative di valore.
Ogni volta che a Napoli, a Palermo, come altrove, in un Sud ricco di eccellenze e imprese, che sono veri modelli dell’innovazione, si scopre qualche realtà significativa, nell’inconscio del reporter, dello studioso, del manager, appare come una mortificazione ulteriore: la Meraviglia!

La differenza di Rubinelli, rispetto a tanti altri (e credo che sia una delle poche volte che accade) è già nella sua premessa: “Per onestà intellettuale devo dire che quando vado a Napoli cerco di passare da …etc.”

Se tutti cominciassero con una ammissione così umile, così intensa, sarebbe un bel contributo alla “Questione meridionale”, alla “terra delle idee”.

Grazie Luigi, ma grazie anche per aver guardato così attentamente Sole 365.

Qui uno tre vari articoli Su retailwatch.it.